Scuola, a Bergamo mancano insegnanti di sostegno specializzati: solo 16 su 1.468 posti – BergamoNews.it

SalvaSalvatoRIMOSSO 0

Secondo la Cisl sono pochi anche i dirigenti scolastici: “96 scuole su 140 sono scoperte e le figure dei direttori saranno coperte con assistenti amministrativi”
“La scuola bergamasca ha ripreso il cammino di un nuovo anno scolastico e tutto il personale ha piena coscienza del fatto che è atteso da nuove, difficili sfide che, purtroppo, si aggiungono ai problemi storici del precariato”.
Così Paola Manzullo, segretaria generale di Cisl Scuola provinciale, apre il suo saluto ai lavoratori della scuola all’alba del nuovo anno scolastico. Infatti, nonostante le immissioni in ruolo di Docenti, Ata e Dirigenti, ci sono ancora 3.223 supplenze “attive” tra i docenti, per le quali si registrano già circa 350 rinunce (e potrebbero aumentare), e 760 tra le figure del personale amministrativo, tecnico e ausiliario, i cosiddetti Ata. Inoltre, permane la mancanza di Dsga (sigla che sta per Direttore dei servizi generali e amministrativi): 96 scuole su 140 sono scoperte e le figure dei direttori saranno coperte con Assistenti Amministrativi facenti funzione Dsga.
Infine, su 1.468 posti a supplenti per il personale con titolo di specializzazione per l’insegnamento ai ragazzi diversamente abili, solo 16 docenti hanno il titolo di specializzazione, mentre gli altri posti sono stati assegnati a docenti senza specializzazione. In tutto questo panorama, insiste Manzullo, “da non sottovalutare il problema principe di un contratto di lavoro scaduto da anni e non ancora rinnovato.
Un anno scolastico difficile, quindi, anche perché, oltre al punto di domanda della pandemia, abbiamo tutte le ricadute sociali ed economiche della crisi energetica e non solo”.
“La scuola è luogo di cooperazione fra le diverse componenti – continua la sindacalista bergamasca -. Le famiglie dovranno affrontare un periodo ricco di difficoltà che non potranno non avere ripercussioni sui figli studenti e, pertanto, toccherà come sempre al personale della scuola affiancare i genitori e mettere in campo ulteriori percorsi atti a far sì che i fini formativi possano essere raggiunti. La scuola ha come obiettivo non solo l’istruzione, ma anche la crescita culturale della persona che, ovviamente, comporta assumere la ‘centralità dello studente’ all’interno di una realtà connotata da profondi cambiamenti che esigono importante, decisivo impegno per favorire i doverosi apprendimenti”.
“La Cisl Scuola di Bergamo – conclude Manzullo -, certa che il personale della scuola saprà affrontare con fiducia e professionalità anche questa difficile sfida, augura a tutti un buon nuovo inizio e sollecita quanti avranno la responsabilità di governare il nostro Paese a dare il doveroso e non più rinviabile riconoscimento alla centralità del capitale sociale dei lavoratori della scuola, che hanno il compito di costruire solide ali per il futuro degli studenti”.
© Riproduzione riservata
Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.
BergamoNews
Copyright © 2005 – 2022 – Testata associata ANSO
Bergamonews è un marchio di bergamonews srl
Via Verdi, 4 – 24100 bergamo P.I. 03480700164
Sede Redazione: Via Maj, 3, 24121 – Tel. 035-211607 Fax 035-232841 – Mail: redazione@bergamonews.it
Ufficio Marketing: Tel. 035-3831504Mail: marketing@bergamonews.it

source

Saremo felici di ascoltare i tuoi pensieri

Lascia un commento

Il comparatore
Logo
Abilita la registrazione nelle impostazioni - generale
Confronta gli articoli
  • Cameras (0)
  • Phones (0)
Confrontare