Scuole seggio chiuse per una settimana, mamme infuriate con Comune e Asl: “Perché solo a Napoli ques… – Il Riformista

SalvaSalvatoRIMOSSO 0

Il Riformista, logo
Temi caldi
Sezioni
Altre sezioni
Seguici
Quotidiano
Newsletter
Il meglio delle notizie de Il Riformista direttamente nella tua casella di posta elettronica
Accedi al Riformista
Utilizza il tuo social network
Hai già un account?
Non sei registrato? Crea un account
Lo stop forzato e la rabbia dei genitori
— 23 Settembre 2022
Neanche il tempo di tornare in aula, con orari ridotti e mense ancora al palo, che dopo 15 giorni gli alunni delle scuole seggio elettorale di Napoli (che in città sono quasi un centinaio) dovranno stare a casa per ben una settimana ‘grazie’ alle elezioni in programma domenica 25 settembre. Ieri, giovedì 22 settembre, è stato l’ultimo giorno in classe per migliaia di studenti napoletani delle elementari, medie e superiori che, se tutto va bene, torneranno nuovamente tra i banchi di scuola mercoledì 28 settembre. Molti però rientreranno solo giovedì 29.
Una situazione, già registrata a fine settembre 2020 in occasione delle elezioni regionali in Campania, che sta scatenando polemiche da parte dei genitori dei giovani studenti che chiedono a Comune e Asl di velocizzare le operazioni di pulizia e igienizzazione dei locali dopo la tornata elettorale. Una settimana di stop forzato dovuta alla calendarizzazione delle attività di sanificazione stabilite dall’amministrazione guidata dal sindaco Gaetano Manfredi e che verranno eseguite dal personale dell’Asl Napoli 1 Centro nelle giornate di martedì e mercoledì.
La metà delle scuole di Napoli seggio elettorale riaprirà mercoledì, l’altra metà giovedì. Un protocollo che non va giù alle mamme degli studenti partenopei che lanciano un appello, a partire dalle prossime tornate elettorale, per evitare uno stop forzato così lungo. Ad alzare la voce sono soprattutto i genitori dei quartieri di Chiaia, Pianura, Bagnoli e della zona a nord di Napoli che accompagneranno i figli a scuola direttamente dopo una settimana.
“Vorrei chiedere al sindaco del Comune di Napoli, Gaetano Manfredi, perché a Napoli le scuole che sono seggio elettorale chiudono oggi per riaprire, se tutto va bene, mercoledì prossimo” chiede una mamma che poi paragona la singolarità di quanto avviene a Napoli con quanto accade invece nelle altre principali città italiane. “Nel rispondere, il signor Sindaco tenga conto, per favore, che le scuole a Roma saranno chiuse solamente lunedì 26, così come quelle di Torino e Milano, e che, in questo momento, la quasi totalità degli studenti italiani è in classe, mentre i ragazzi napoletani sono a casa”.
Dopo la didattica a distanza dovuta all’emergenza covid, le allerte meteo, spesso fake, che portavano l’ex sindaco de Magistris a chiudere sistematicamente le scuole per ragioni di sicurezza in una città dove crolla tutto a causa della scarsa manutenzione, la mamme rivendicano oggi il diretto allo studio: “Nel rispondere – aggiunge la donna – il signor Sindaco si ricordi, per favore, che il diritto allo studio dei nostri giovani è già stato calpestato ripetutamente, in questi anni, da amministrazioni inadempienti, che hanno scelto sempre la strada semplice e mai la strada giusta”. Da qui la richiesta di trovare anche seggi elettorali alternativi se diventa impossibile riaprire le scuole nel giro di pochi giorni.
 
Ciro Cuozzo
Giornalista professionista, nato a Napoli il 28 luglio 1987, ho iniziato a scrivere di sport prima di passare, dal 2015, a occuparmi principalmente di cronaca. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa, ho frequentato la scuola di giornalismo e, nel frattempo, collaborato con diverse testate. Dopo le esperienze a Sky Sport e Mediaset, sono passato a Retenews24 e poi a VocediNapoli.it. Dall’ottobre del 2019 collaboro con la redazione del Riformista.
© Riproduzione riservata
Francesca Sabella
Viviana Lanza
Redazione
Carmine Di Niro
Vito Califano
Iuri Maria Prado
In edicola
Sfoglia e leggi Il Riformista su PC, Tablet o Smartphone
Seguici
Abbonamenti
Sfoglia, scarica e leggi l’edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.
Il Riformista, logo
Il Riformista è una testata edita da Romeo Editore srl – PIVA 09250671212 e registrata presso il Tribunale di Napoli, n. 24 del 29 maggio 2019 – ISSN 2704-8039

source

Saremo felici di ascoltare i tuoi pensieri

Lascia un commento

Il comparatore
Logo
Abilita la registrazione nelle impostazioni - generale
Confronta gli articoli
  • Cameras (0)
  • Phones (0)
Confrontare